Ricordo di un genio: Gioacchino Rossini a 150 anni dalla morte

//Ricordo di un genio: Gioacchino Rossini a 150 anni dalla morte

Ricordo di un genio: Gioacchino Rossini a 150 anni dalla morte

2018-11-12T08:34:46+00:0010 novembre 2018|

10 novembre 2018, con tre giorni di anticipo sui 150 anni dalla morte, Guido Pedrojetta ha tenuto la conferenza presso le Scuole “Ai Ronchini” a Maggia per omaggiare il genio di Rossini. All’evento hanno partecipato, oltre alla ventina di adulti, alcuni bambini giovanissimi (deve essere stato molto pesante per i bimbi) accompagnati dalle loro mamme alle quali indirizziamo i nostri complimenti più vivi per l’educazione che offrono loro sia per l’orientamento culturale  sia per la compostezza da essi mantenuta durante tutta la conferenza.

Per la sua esposizione, il professor Pedrojetta ha ripreso brani tratti da “La donna del lago”, dal “Barbiere di Siviglia”, da “La Cenerentola” e dal “Guglielmo Tell”, quest’ultimo in modo decisamente più compiuto.

Nella relazione storica-artistica Guido ha toccato anche l’opera di Vincenzo Bellini “I Capuleti e i Montecchi” mettendo a confronto le interpretazioni della “divina” Maria Callas e l’altrettanto bravissima Montserrat Caballé